freebly: la prima società benefit tra avvocati in Italia, il tema della tesi di Francesca Gardella

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Facciamo i complimenti alla nostra Francesca Gardella che ha discusso con successo la tesi del Master “ SiLFiM – Sostenibilità in Diritto, Finanza e Management” presso l’Univesrità degli Studi Milano-Bicocca. La sua tesi non poteva che essere su “Le Società Benefit – freebly, la prima società benefit costituita tra avvocati in Italia”.  

Ecco di seguito un breve e significativo estratto che descrive il progetto freebly: 

Freebly rappresenta un cambiamento culturale molto significativo poiché fonda il proprio modello di studio legale su scelte valoriali nuove, in virtù delle quali l’interesse primario non è più il profitto bensì la felicità delle persone.  

Infatti, il motto in freebly è “happy people first” e per raggiungere questo obiettivo la società offre i seguenti cambiamenti: 

  • la struttura è flat perché vengono abolite le gerarchie: ogni avvocato è un libero professionista, imprenditore di se stesso; 
  • gli avvocati sono liberi di gestire il proprio tempo e le proprie attività quotidiane, sono autonomi e lavorano in smartworking – da casa, all’aperto, all’estero o negli spazi di co-working messi a loro disposizione; 
  • gli avvocati sono autonomi ma beneficiano comunque dell’opportunità di far parte della medesima community grazie alla quale fanno rete, condividono i medesimi valori esistenziali e creano sinergie importanti sia ai fini professionali che personali; 
  • gli avvocati non hanno vincoli né di fatturato né di timesheet; 
  • gli avvocati sono seguiti da coach che li affiancano in un programma volto alla valorizzazione di sé, sia come professionisti che come persone; 
  • gli avvocati hanno periodicamente l’occasione di partecipare a eventi di formazione volti al personal development; 
  • gli avvocati prendono parte attivamente a progetti ad impatto positivo per la comunità e l’ambiente in cui esercitano. 

Dunque, in freebly viene condivisa profondamente una nuova filosofia di vita, la “freeblyness”, che ispira e guida un nuovo approccio alla professione di avvocato, la quale viene esercitata secondo precisi standard etici, con flessibilità e in equilibrio armonioso con la vita privata. 

Il lavoro diventa così un’occasione preziosa per la propria crescita personale e per l’espressione del proprio potenziale ma anche per la creazione di valore condiviso 

Per chi desiderasse approfondire l’argomento è disponibile il testo completo in download

More To Explore

Non categorizzato

freebly un anno dopo

Il primo bilancio del progetto lanciato dagli avvocati Giulio Graziani e Antonello Leogrande poco più di un anno fa in un’intervista di Nicola Di Molfetta sull’ultimo numero di MAG LC Publishing Group.Un