Antonello Leogrande diventa membro dell’Advisory Board di HOPEnDialogue

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

https://www.hopendialogue.net/ è un progetto di ricerca dell’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR per cui Antonello svolgerà un ruolo consultivo esclusivamente su basi probono.

Si celebra il 10 ottobre in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Salute Mentale, indetta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e quest’anno dedicata ai giovani e agli adolescenti. Secondo l’Oms i disturbi mentali sono destinati a superare per incidenza le malattie cardiovascolari, attualmente al primo posto, e in Italia ne soffrono 17 milioni di persone.

La metà di tutte le malattie mentali inizia all’età di 14 anni, ma nella maggior parte dei casi non vengono rilevate, o vengono sottovalutate. La malattia mentale più diffusa tra gli adolescenti è la depressione: forme depressive o ansiose interessano il 10% dei giovani tra i 15 e i 29 anni. Un altro dato spaventoso è che il suicidio in questa fascia d’età è la seconda causa di morte.

In Europa il 38% della popolazione soffre di una malattia mentale: complessivamente costituiscono il 23% del Global Burden of Disease.

I disturbi psichici rappresentano il 30% di tutte le disabilità e hanno un impatto pesante sulla quantità di vita e sulla sua qualità con gravi ripercussioni sul piano personale, affettivo-familiare, socio-relazionale e lavorativo.

(https://www.lastampa.it/salute/2018/10/09/news/salute-mentale-soffrono-di-disturbi-17-milioni-di-persone-in-italia-attenzione-all-adolescenza-1.34051298)

Da anni Antonello conduce un percorso di costante ricerca ed esperienza nel settore della salute mentale, in cui ha incontrato numerosi esperti, studiosi, ricercatori e operatori non solo nel campo della psicologia e psichiatria, ma anche della fisioterapia, della nutrizione, della medicina funzionale, dell’omeopatia, dell’omotossicologia, dell’arteterapia, fino a giungere all’agopuntura cinese e all’ayurvedica indiana.

Questo viaggio gli ha anche consentito di approfondire la conoscenza giuridica su strumenti e sistemi organizzativi in tema di riabilitazione, relazioni tra enti privati e pubblici, nuovi protocolli terapeutici, tutela della disabilità, sia in ambito nazionale che internazionale.

Open Dialogue rappresenta una delle più innovative ed efficaci metodologie di trattamento delle patologie psichiche di maggiore gravità, basata sull’intervento di un team interdisciplinare nel contesto familiare e residenziale del paziente e con il coinvolgimento della sua rete di relazioni più stretta. Messo a punto e sperimentata con successo in Finlandia dal Prof. Jaakko Seikkula (con un tasso di guarigione dell’80%), questo metodo sta via via interessando numerosi operatori in tutto il mondo, impegnati nella sua implementazione nel servizio assistenziale pubblico e, ciò che conta maggiormente sotto l’aspetto scientifico, nel compimento di trial che ne possano attestare l’attendibilità scientifica con strumenti di statistica.

Il progetto HOPEnDialogue, promosso dall’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche e finanziato dall’americana Foundation for Excellence in Mental Health Care, ha l’obiettivo di supportare questo processo di innovazione, donando nuova luce al difficile mondo della disabilità mentale.

L’Advisory Board di HOPEnDialogue, composto da scienziati di fama internazionale, è coordinato dalla referente scientifica del progetto Raffaella Pocobello, una ricercatrice del CNR dedita da anni a studi valutativi nel campo della salute mentale in Italia e all’estero.

Come per tutti gli altri membri del panel, anche Antonello svolgerà un ruolo consultivo esclusivamente su basi pro bono, con l’obiettivo di dare un supporto nella pianificazione degli aspetti programmatici e organizzativi, nonché nello scouting finanziario e relazionale per ogni possibile implementazione del modello. Insieme alle altre azioni già messe in campo da freebly per il perseguimento della matrice di sostenibilità, anche questa è in coerenza con il goal n.3 degli SDGs “Good Health and Well-being”.

More To Explore